PIELOLITOTOMIA

DEFINIZIONE
Rimozioni di calcoli renali, particolarmente della pelvi renale di grosse dimensioni attraverso intervento laparoscopico retroperitoneale.

INDICAZIONE
I calcoli che per le dimensioni, la durezza, la conformazione delle cavità renali non possono essere trattati con litontrissia extracorporea o con litontrissia percutane, possono essere curati e risolti con pielolitotomia laparoscopica retroperitoneale.

DESCRIZIONE DELLA TECNICA
Il paziente è in anestesia generale ed in posizione laterale. Nell’accesso retroperitoneale viene eseguita una prima incisione di circa due cm sul fianco. Per via smussa si procede a dissezione e alla creazione di uno spazio operativo. Altre tre porte (incisione di cm 1) sono posizionate. Sotto controllo endoscopico viene isolata la pelvi renale e il primo tratto dell’uretere. Incisa la pelvi renale si rimuove il calcolo anche di grosse dimensioni e si procede a sutura della pelvi e estrazione del calcolo.

DURATA DELL'INTERVENTO
Durata media di 60 minuti.

COMPLICANZE
Unica complicanza è l'insorgenza di fistola ruinosa che viene trattata con posizionamento di stent doppio J.

PERDITE EMATICHE
Pressocché nulle.

DECORSO POSTOPERATORIO
Dopo 24 ore il paziente si alimenta e si alza dal letto. La degenza è mediamente di tre giorni. Dopo 15 giorni si può tornare alla normale attività lavorativa.

CASISTICA PERSONALE
La esperienza personale è iniziata nel 1990. Solo 31 pazienti visto che la maggior parte delle calcolosi sono state trattate con tecniche alternative (litontrissia extracorporea, Litontrissia percutanea, Ureteroscopia).